Chiudi

Current site: website_MasterIT
Database: web
Content start path: /sitecore/content/MasterIT
Home node: /sitecore/content/MasterIT/home
Language: Italian (Italy) : italiano (Italia)
Index : masterit_web_index
InstanceInfo configuration: Complete
InstanceInfo site: Complete;
Pelle perfetta con il peeling all’acido glicolico

Pelle perfetta con il peeling all’acido glicolico

L’acido glicolico è un acido che appartiene alla famiglia degli acidi della frutta, di origine naturale, viene ricavato dallo zucchero di canna; avendo delle molecole molto più piccole rispetto a quelle degli altri acidi della stessa famiglia, ha la caratteristica di penetrare molto bene nella pelle.

Il primo obiettivo dell’utilizzo di questo particolare acido è quello rinnovare l’epidermide esfoliandola e rendendola quindi molto più luminosa e compatta. L’acido glicolico agisce sullo strato superficiale della pelle e rimuove le impurità e le cellule morte, per questo è particolarmente indicato per pelli mature e che presentano macchie ma anche per quelle a tendenza acneica e grasse, grazie infatti alla sua azione esfoliante riesce a trattare con successo rughe e segni del tempo, e imperfezioni.

Il peeling all’acido glicolico esfolia l’epidermide rendendone visibile lo strato più giovane, rinnovandola sensibilmente, rendendola più luminosa, morbida e compatta, svolgendo inoltre un’azione riequilibrante nella produzione di sebo. Ideale per tutti i tipi di pelle e a tutte le età è però sconsigliato per l’epidermide sensibile, delicata e reattiva. L’acido glicolico è molto spesso già presente in diversi prodotti cosmetici, ciò che varia è la percentuale di acido in essi contenuti, le concentrazioni più alte vengono utilizzate solo dai dermatologi e dai medici estetici; in medicina estetica e nella cosmesi si usa l’acido glicolico a soluzione tamponata (con l’aggiunta di una base alcalina rendendone l’uso sicuro e mantenendone inalterate le proprietà).

La durata e la frequenza di un trattamento di peeling all’acido glicolico vengono discusse e valutate dal medico in base alle necessità, al tipo di pelle e ai risultati che si vogliono ottenere. Se l’applicazione avviene correttamente e sotto la supervisione di un esperto non ci sono particolari controindicazioni o effetti collaterali, a parte qualche leggero fastidio sotto forma di pizzicore o rossore dovuto all’applicazione ma che svanisce immediatamente dopo. Alternativa al peeling dermatologico, in commercio ci sono prodotti specifici per la skin care contenenti basse percentuali di acido glicolico.

Peeling acido glicolico: 5 consigli per una pelle perfetta


1. Il peeling all’acido glicolico è ideale sia per pelli giovani che per pelli mature, a patto però che sia applicato da un esperto che possa controllarne la giusta concentrazione, la frequenza di applicazione e la durata del trattamento. Mai improvvisarsi dermatologi o medici estetici, ne va della salute della pelle.

2. L’acido glicolico è un acido altamente fotosensibilizzante, la pelle dopo l’applicazione è estremamente sensibile alla luce del sole, pertanto è molto importante utilizzare creme idratanti molto ricche, ad azione lenitiva e dotate di un elevato fattore di protezione dai raggi solari.

3. Dopo un trattamento a base di acido glicolico si può avvertire la sensazione che la pelle sia molto più secca e che “tiri” un po’. Niente paura, è una sensazione passeggera, nei giorni successivi all’applicazione è sufficiente prestate maggiore attenzione alla cura della pelle, essa sarà infatti molto più recettiva e assorbirà molto meglio i principi attivi di creme e maschere.

4. Scegliere prodotti cosmetici contenenti acido glicolico con percentuali che vanno dal 5% al 10%. A queste percentuali è possibile utilizzare questi trattamenti anche tutti i giorni, preferibilmente la sera; in caso di percentuali più alte è preferibile l’utilizzo limitato a due volte a settimana in base alla propria tollerabilità cutanea.

Indietro

#message

Più dettagli