Chiudi

Current site: website_MasterIT
Database: web
Content start path: /sitecore/content/MasterIT
Home node: /sitecore/content/MasterIT/home
Language: Italian (Italy) : italiano (Italia)
Index : masterit_web_index
InstanceInfo configuration: Complete
InstanceInfo site: Complete;
Shampoo secco: cos’è e come si usa

Shampoo secco: cos’è e come si usa

Capelli puliti e profumati in 2 minuti: con lo shampoo secco è possibile. I ritmi quotidiani sono sempre più frenetici e quante volte vi sarà capitato, uscendo tardi dall’ufficio e con un appuntamento a stretto giro, di avere l’esigenza di ravvivare i capelli? La soluzione esiste ed è rappresentata proprio dallo shampoo secco. Ma come funziona e soprattutto, per evitare di rovinare la capigliatura, come va applicato? Ecco tutte le informazioni necessarie e alcuni consigli utili.

Che cos’è lo shampoo secco


Lo shampoo secco
si presenta in formato spray o in polvere ed è composto da amido, talco ed estratti purificanti per assorbire sebo e impurità dai capelli senza bisogno dell’acqua. Il prodotto inoltre è utile non solo per ravvivare i capelli ma anche per metterli in piega perché dona subito corpo e volume. Per chi desidera inoltre dare qualche tocco di colore, esistono anche shampoo a secco colorati in grado di regalare qualche riflesso ai capelli bianchi o spenti.

Come si applica lo shampoo a secco


La caratteristica dello shampoo a secco è proprio quella di essere estremamente pratico, quindi per utilizzarlo basta spruzzare il prodotto sui capelli, nel caso del formato spray, oppure applicare la polvere. Nel caso dello shampoo a secco spray, il prodotto dovrà essere spruzzato ad una distanza di almeno 20-30 cm applicandolo solo sulla cute. Se si hanno capelli lunghi, si può applicare anche sulla lunghezza ma con molta attenzione perché lo shampoo secco potrebbe seccare il capello.

La cosa migliore è massaggiare bene lo shampoo secco sulla cute per poi scendere mano a mano sulle lunghezze; per questo sarebbe meglio non applicarne troppo (ad aggiungere si fa sempre in tempo!). Lo si lascia in posa per pochi minuti, quindi si spazzolano energicamente i capelli fino a rimuovere ogni residuo del prodotto. A questo punto sarete pronte per la piega e per il vostro appuntamento!

Lo shampoo secco “fai da te”


È possibile anche preparare uno shampoo a secco in casa fai da te, bastano:

• 3 cucchiaini di farina di riso o bicarbonato

• 2 cucchiaini di amido di tapioca o di patate

• 1 cucchiaino di polvere di argilla e qualche goccia di olio essenziale.

Shampoo secco: consigli utili


Quello che bisogna tenere ben presente è che lo shampoo secco non rappresenta una soluzione definitiva, e soprattutto non può sostituire lo shampoo tradizionale; i benefici di questo tipo di prodotti durano tendenzialmente 12 ore, dopo di che la cosa migliore è sempre quella di fare ricorso ad un prodotto classico.

Essendo a base di talco, è molto utile per ravvivare i capelli grassi ma in caso di capelli già tendenzialmente secchi, potrebbe finire per seccarli eccessivamente, per questo se ne sconsiglia l’utilizzo frequente. Nel caso ci fosse la necessità di utilizzarlo per un periodo prolungato, finita l’emergenza, il consiglio è di utilizzare un prodotto specifico per capelli secchi e ruvidi. Dal momento che l’uso frequente di uno shampoo a secco potrebbe rendere i capelli difficili da pettinare e districare, potrebbe risultare utile l’utilizzo della crema lavante delicata come Low Shampoo di L’Oréal, la cui formula, arricchita con calendula e ceramide, restituisce morbidezza, resistenza e forza ai capelli, rendendoli più morbidi e districabili.

Indietro

#message

Più dettagli